CLUB PER L'UNESCO ISILI

Il nostro Statuto

 

Il Club Unesco di Isili , come ogni Centro o Club Unesco, si propone di aderire al seguente Statuto e rimanere fedele ai valori Unesco, ovvero

a)      Di diffondere i principi della comprensione internazionale conformemente agli ideali dell’UNESCO e delle altre Istituzioni specializzate delle Nazioni Unite;

b)      Di promuovere la diffusione e il rispetto dei principi affermati dalla Dichiarazione Universale dei Diritti del’Uomo;

 c)      Di contribuire alla formazione Civica e Culturale dei suoi Membri aiutandoli a comprendere i problemi di un Mondo in continua evoluzione nel campo Culturale, Scientifico, Tecnologico, Economico e Sociale e ad impegnarsi ad assumere le proprie responsabilità in uno spirito democratico nei confronti della Comunità locale, nazionale ed internazionale;

 d)      Di prendere iniziative atte a facilitare, tra i Soci, la conoscenza dei vari Paesi e Regioni, attraverso incontri, viaggi, scambi culturali e altre iniziative che possono avvicinare Persone, Gruppi o Popoli di diverse nazionalità;

 e)      Di promuovere la costituzione di gruppi per lo studio approfondito dei problemi culturali, sociali ed economici e di sviluppo che interessano l’Italia e altri Paesi del Mondo;

 f)       Di partecipare alle campagne mondiali e altre iniziative a carattere educativo, sociale, culturale sostenute dall’Unesco e da altre Associazioni ed Organismi, anche internazionali, con finalità analoghe o complementari;

 g)      Promuovere la conoscenza e la pratica di metodi naturali per la salute, intesa come piena realizzazione della propria libertà, responsabilità e personalità all’interno della Società;

 h)      Diffondere la coscienza del benessere inteso come qualità delle relazioni con gli altri e con l’ambiente di vita, realizzando iniziative in favore del rispetto della tutela del patrimonio storico-culturale, ambientale,archeologico, antropologico ed etnico e per  la promozione di stili di vita e di comportamenti individuali e collettivi consapevoli e responsabili;

i)        Organizzare, promuovere, gestire e realizzare iniziative di educazione, formazione e comunicazione, studi, ricerche, seminari, incontri, workshop, attività culturali, di base storica, archeologica, antropologica, etnica, attività sociali, ludiche e ricreative, convegni e pubblicazioni per condividere e divulgare la proposta di soluzioni concrete nei campi della qualità della vita, dell’ambiente e della ricerca archeologica, storica, culturale, turistica, agroalimentare ed artigianale;

j)        Il Club Unesco di Isili intende, pertanto, inserirsi nella linea di azione dei Club Unesco che, operanti in oltre cinquanta Paesi del Mondo, riuniscono in un attivo programma di iniziative e di incontri giovani di ogni luogo, di ogni colore, di ogni origine etnica e sociale, di ogni fede religiosa e politica;

k)      In questa linea il Club intende stabilire e mantenere anche attraverso la FICLU e la FMACU contatti con gli altri Club UNESCO che particolarmente attivi in alcuni Paesi europei ed extraeuropei, hanno già avviato concrete iniziative volte a favorire l’incontro tra i giovani, attraverso viaggi, partecipazione a gruppi di studio e campi di lavoro internazionali, collaborazione a programmi internazionali di particolare valore morale, sociale e culturale;

Risposta dalla Presidentessa della FICLU che accoglie la candidatura del Club

 

-          Al presidente coordinatore del Comitato promotore

del Club UNESCO di Isili

rag. Davide Marras 

      comitatounescoisili@gmail.com

 

caro presidente,

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   riceviamo, rispedita dalla posta, la Vostra lettera; il disguido, di cui v i preghiamo di scusarci, è stato dovuto a lavori in corso nell'atrio dove sono collocate le cassette postali di via Orsini 44, che hanno  creato non pochi problemi con alcuni errori di recapiti- fra cui la vostra R  , della quale a noi non è giunta  l'apposita cartolina  che dopo il periodo di giacenza.

 Questo, comunque, non ha inciso sulla possibilità di accettazione del Vostro Club, che è stato presentato dal prof. Antonio Vernier, con tutte le documentazioni necessarie.

 Colgo l'occasione per ringraziarvi anche per le interessanti pubblicazioni, che ho letto e ammirato per le belle immagini e la stampa, che avete voluto presentarci e che conserveremo  nella sede della Federazione e del Centro UNESCO,

Con i più vivi auguri per il vostro lavoro e i più cordiali saluti, Marialuisa Stringa

 in allegato: lettera nella mia qualità di  presidente della FICLU e statuto della Federazione

 

 

La Nostra richiesta formale di adesione a FICLU

 

Comitato Promotore Club Unesco Isili                                                            comitatounescoisili@gmail.com                                                                                                                            Tel: 339 89 73 434                                            

                                                                                          Spett. le  Presidenza F.I.C.L.U

                                                                            C/A         Dott.ssa Marialuisa Stringa
                                                                             Via Gian Paolo Orsini, 44 - 50126  Firenze

 

Oggetto: Richiesta costituzione “Club Unesco” di Isili                          

               Con la presente si richiede la costituzione del Club Unesco di Isili, grazie al sostegno dei già costituiti Club Unesco di Cagliari ed Oristano e il prezioso contributo del Prof. Antonio Ing. Vernier, Presidente del Club di Cagliari e membro del Consiglio Direttivo della F.I.CL.U. che ci daranno l’aiuto necessario, per l’avvio e l’organizzazione del lavoro.

Il Club Unesco di Isili vuole sorgere come una realtà , di fatto già operativa, capace di trasformarsi in elemento di grande promozione culturale, punto di riferimento dei diversi Soggetti presenti nel territorio,  tra le A.T. Pro-loco, Uni 3, Società sportive,  Associazioni culturali e del volontariato e le organizzazioni Istituzionali e territoriali tra i Comuni,              i Consorzi turistici, i Gal, le Comunità Montane, per il coordinamento delle attività Culturali, nell’interesse delle diverse popolazioni che vivono il territorio che coinvolge una ventina di piccoli Comuni tra il Sarcidano, la Barbagia, il Mandrolisai la Trexenta e la Marmilla, dove si trovano il Telescopio di S Basiliio, che entrerà in funzione tra breve, offrendo  numerosi riferimenti scientifici di interesse internazionale, non ché il monumento “Su Nuraxi” di Barumini, simbolo della gloriosa ed ancora poco studiata Civiltà Nuragica, già riconosciuto quale Patrimonio dell’Umanità.                                 

Forte di immense risorse ambientali, nonché di una posizione geografica altamente strategica favorevole ai contatti e alle relazioni con i distretti della Sardegna centro-meridionale, il territorio di Isili fu sin dai tempi più remoti, luogo privilegiato per l’insediamento umano. La presenza di decine di grotte, villaggi, tombe e di numerosi nuraghi, semplici e complessi, insieme ad innumerevoli manufatti in terracotta, pietra e metallo, esprimono la capacità costruttiva e l’estro artistico delle antiche popolazioni isilesi avvicendatesi nel corso dei millenni, consentendo di ricostruire la genesi insediativa di questa parte dell’Isola. Dall’età preistorica-protostorica a quella storica, la diffusione pressoché capillare degli abitanti, riflette il proficuo sfruttamento delle risorse economiche del territorio. L’artigianato, la pastorizia e le attività estrattive del sottosuolo insieme a quelle artigianali che dettero vita a botteghe di scalpellini, scultori, ceramisti, tessitori e metallurghi, facendo di Isili uno dei paesi di più antica tradizione artigiana, ancora offrono l’eco della loro fama trascorsa.

Ad Isili è presente il Museo del Rame e del Tessuto Artistico, ospitato nell’antico Convento dei Padri Scolopi risalente al XVII° secolo, il quale racconta come dalla scura bottega di un ramaio nascono oggetti luminosi e solari che per secoli hanno unito la funzione d’uso ad una forte valenza estetica; dal misterioso mondo dei ramai e del loro gergo segreto si arriva a quello delle tessitrici che, fondendo tradizione e modernità, hanno realizzato splendidi arazzi con sapiente intreccio delle lane, fili d’oro, d’argento e di rame, rafia, lino e altri tessuti, colorati a mano con erbe ed essenze.

 Funtana Raminosa, la miniera di Rame di Gadoni, il Museo dei Menhir di Laconi, il Museo Lorence di Mandas e il P.ar.c. di Genoni, a ridosso della famosa Giara di Gesturi e dei Cavallini, le grotte di Sadali e quelle rupestri di Seulo, i monumenti di Orroli, Esterzili, Serri, Isili, Nurri, Nuragus, Laconi, Gesturi, Suelli,Villanovatulo e Goni,  i tre laghi, Mulargia, Borroccus e Flumendosa, le produzioni di ortaggi a Isili e Nurallao, ovine a Nurri, Nuragus e Mandas,  enogastronomiche con l’olio e il vino di Escolca, Gergei e Nurri, offrono altri spunti di riflessione sulla valenza di un territorio che si insinua a ridosso delle antiche zone morfologiche di maggiore interesse scientifico, di una Sardegna che vuole raccontarsi per intero, offrendo al Mondo le atmosfere, i caratteri e le peculiarità che non si possono rintracciare al di fuori del Continente Sardo, isolato per certi versi, ma allo stesso tempo preservato ancora oggi, dai paradossi della sfuggente modernità.

 In collaborazione con il Club Unesco di Cagliari si è dato corso nel 2009 e nel 2010 alla manifestazione La Civiltà dei Numeri uno, attraverso la realizzazione di due cicli di conferenze che hanno coinvolto, tra gli altri, i Comuni di Cagliari ed Isili, la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Cagliari, le Scuole Superiori di Isili e Tonara, le Associazioni Turistiche Pro-loco del territorio, le Associazioni Culturali Sardegna-Corsica e Uni 3 di Isili e attraverso gli argomenti messi in campo, con la partecipazione di Eminenti Luminari delle Scienze di Matematica, Fisica, Linguistica, Storia, Antropologia,  Architettura, Geofisica, Archeologia e Musica tradizionale, isolani, nazionali ed internazionali, i quali hanno permesso di approfondire notevolmente le tematiche di interesse per il rilancio della Cultura Scientifica Antica e Moderna, abbiamo posto le basi per seguire questo indirizzo nelle attività che il Comitato Promotore prevede di realizzare nell’avvenire, anche per incrementare il coinvolgimento dei nostri giovani affinché possano, riconoscendo i percorsi da intraprendere nelle loro scelte, trovare nuovi stimoli ad impegnarsi per trasformare in meglio la società.

 

Il Club Unesco di Isili si propone:

a)      Di diffondere i principi della comprensione internazionale conformemente agli ideali dell’UNESCO e delle altre Istituzioni specializzate delle Nazioni Unite;

                           b)      Di promuovere la diffusione e il rispetto dei principi affermati dalla Dichiarazione Universale dei Diritti del’Uomo;

 

c)      Di contribuire alla formazione Civica e Culturale dei suoi Membri aiutandoli a comprendere i problemi di un Mondo in continua evoluzione nel campo Culturale, Scientifico, Tecnologico, Economico e Sociale e ad impegnarsi ad assumere le proprie responsabilità in uno spirito democratico nei confronti della Comunità locale, nazionale ed internazionale;

 

d)      Di prendere iniziative atte a facilitare, tra i Soci, la conoscenza dei vari Paesi e Regioni, attraverso incontri, viaggi, scambi culturali e altre iniziative che possono avvicinare Persone, Gruppi o Popoli di diverse nazionalità;

 

e)      Di promuovere la costituzione di gruppi per lo studio approfondito dei problemi culturali, sociali ed economici e di sviluppo che interessano l’Italia e altri Paesi del Mondo;

 

f)       Di partecipare alle campagne mondiali e altre iniziative a carattere educativo, sociale, culturale sostenute dall’Unesco e da altre Associazioni ed Organismi, anche internazionali, con finalità analoghe o complementari;

 

g)      Promuovere la conoscenza e la pratica di metodi naturali per la salute, intesa come piena realizzazione della propria libertà, responsabilità e personalità all’interno della Società;

 

h)      Diffondere la coscienza del benessere inteso come qualità delle relazioni con gli altri e con l’ambiente di vita, realizzando iniziative in favore del rispetto della tutela del patrimonio storico-culturale, ambientale,archeologico, antropologico ed etnico e per  la promozione di stili di vita e di comportamenti individuali e collettivi consapevoli e responsabili;

 

i)        Organizzare, promuovere, gestire e realizzare iniziative di educazione, formazione e comunicazione, studi, ricerche, seminari, incontri, workshop, attività culturali, di base storica, archeologica, antropologica, etnica, attività sociali, ludiche e ricreative, convegni e pubblicazioni per condividere e divulgare la proposta di soluzioni concrete nei campi della qualità della vita, dell’ambiente e della ricerca archeologica, storica, culturale, turistica, agroalimentare ed artigianale;

 

j)        Il Club Unesco di Isili intende, pertanto, inserirsi nella linea di azione dei Club Unesco che, operanti in oltre cinquanta Paesi del Mondo, riuniscono in un attivo programma di iniziative e di incontri giovani di ogni luogo, di ogni colore, di ogni origine etnica e sociale, di ogni fede religiosa e politica;

 

 

k)      In questa linea il Club intende stabilire e mantenere anche attraverso la FICLU e la FMACU contatti con gli altri Club UNESCO che particolarmente attivi in alcuni Paesi europei ed extraeuropei, hanno già avviato concrete iniziative volte a favorire l’incontro tra i giovani, attraverso viaggi, partecipazione a gruppi di studio e campi di lavoro internazionali, collaborazione a programmi internazionali di particolare valore morale, sociale e culturale;

 

Il Comitato Promotore del Club Unesco di Isili, nel corso del 2011, si impegna fin da ora, come da indicazioni ricevute, ad aderire e promuovere almeno due delle giornate o iniziative dal calendario della FICLU previste per l’anno in corso.

La manifestazione inaugurale del Club Unesco di Isili, qualora la nostra istanza venisse accolta, è prevista per fine Aprile; il programma è già in corso di definizione e verterà sulla commemorazione di uno studioso di Linguistica antica, Raffaele Sardella, scomparso alcuni anni orsono ad Isili, il quale, accostando la lingua Sarda, ancora viva nelle parlate di tutta l’Isola, alla lingua Accadico-Sumerica, usata dai commercianti nell’antichità,  ha lasciato ad altri studiosi, con diverse pubblicazioni,  gli spunti per avviare gli adeguati approfondimenti.

 Cultura, Scienza e conoscenza è infatti il tema che caratterizza il nostro CLUB.

 Si elencano i nomi dei componenti il Comitato Promotore allegandovi i relativi curriculum:

 

1.       Davide Marras               G.P.Giurata             Isili        Istituto Vigilanza La Nuorese, C. re La Civiltà dei Numeri uno

Tel 339 89 73 434                comitatopromotorec.unescoisili@gmail.com        davidemaras@gmail.com

2.       Giorgio Baglivi                              Scrittore                  Isili        Ex Dirigente Scolastico, Studioso Civiltà antiche

338 12 05 802               

3.       Pina Orgiu                      Assistente Sociale   Isili        Comune di Escolca

 

4.       Bruno Atzori                   Imprenditore            Isili        Operatore ricettività, Studioso, Esperto del Territorio

347 22 25 225                0782 802004

5.       Enea Coni                      Impiegato                               Isili        Abbanoa Spa, Amministratore Comune di Isili

349 32 72 779

6.       Luigia Mura                    Impiegata                               Isili        Azienda Automobili Cagliari

 

7.       Ettore Verrecchia           Impiegato                               Isili        Pubblica Amministrazione Cagliari

 

8.       Paolo Locci                   Imprenditore         Barumini    Operatore Ricettività, Promotore finanziario

 

9.       GianPiero Carcangiu       Ag. P. Municipale    Sadali     Comune di Isili

 

10.    Marco Piras                   Infermiere               Villasor    Asl n.8 P.O. Isili

 

11.    GianFranco Putzu           Pensionato              Isili        Ex Dirigente Amministrativo, Insegnante

 

12.    Lorenzo Sessini             Avvocato               Carbonia  Libero Professionista

 

13.    Rossana Sessini            Impiegata               Cagliari    Studio Legale Cagliari

 

14.    Marcello Cabriolu           Militare                  S.Antioco A.M. Decimomannu, Studioso, Scrittore

 

15.    Federica Selis                Guida turistica       S.Antioco Libera Professionista

 

16.    Serena Crabu                 Architetto                  Isili        Libero Professionista

 

17.    Giuseppe Manca            Impiegato              Nurallao    C.O.R.I.S.A.R. Cagliari

 

18.    Maria Grazia Frau           Rappresentante    Nurallao     Libero Professionista

 

19.    Andrea Boi                    Operaio                    Isili        Ente Foreste Cagliari

 

20.    Carlo Contini                  Funzion. Comm.le    Isili         Libero Professionista, Amministratore Comune di Isili

 

21.    Antonietta Contini           Geologa                    Isili       Abbanoa Spa

 

22.    Gianfranco Mameli         Pensionato               Isili        Insegnante

 

23.    Luisa Mameli                  Pensionata               Isili        Segretaria Comunale

 

24.    Marco Usai                    Pensionato              Nurri       Guardia di Finanza

 

25.    Paolo Valente Poddighe Scrittore                    Isili       Studioso, Presidente Ass. Cult. Sardegna – Corsica Isili

 

26.    Pierino Dessì                 Autista                   Esterzili    Asl n.8 P.O. Isili

 

27.    Filippo Spanu                C. re Ammin.vo      Gergei      Università di Cagliari

 

28.    Carmen Lecca                Centralinista            Suelli      Asl n.8 P.O. Isili

 

29.    Dolores Corongiu           Artigiana                   Isili        Op. Artistica Découpage creativo

 

30.    Francesco Ledda           Infermiere                 Isili        Asl n.5 P.O. Oristano

 

31.    Stefania Pingiori            Botanica                    Isili       Libera Professionista

 

32.    Rita Fadda                     Impiegata               Mandas   Inps di Isili, Presidente A.T. Pro-loco Mandas

 

33.    Elia Pili                          Dirigente Scolastico Nuragus Sindaco di Nuragus

 

34.    Aldo Carcangiu              Sacerdote               Nureci     Parroco di Barumini, Cappellano Casa Circondariale di Isili

 

35.    Mario Corongiu              C. re P.Municipale     Isili        Comune di Isili

 

36.    Samuele Pucci               Operaio                    Isili        Demi Spa

 

37.    Sandro Sulis                  C. re Ammin.vo       Orroli      Asl n.8 P.O. Isili

 

38.    Ignazia Olianas               Imprenditrice          Escolca   Operatore Ricettività

 

39.    Francesco Stagno          Operaio                     Isili       Ente Foreste Cagliari

 

40.    Leonardo Carrisi             Impiegato                                 Isili       Asl n.8 P.O. Isili

 

41.    Piero Argiolas                Imprenditore        V.novatulo  Impresario Edile

 

42.    Monica Murgia                              Insegnante             Talana      Liceo Scientifico Isili, Pr. Associazione Italia - Francia di Cagliari

 

43.    Federico Porcedda        Studente                  Serri      Laureando in Beni Culturali, Pr. As. Cult. Giovani Bronzetti Serri

 

44.    Peppino Orrù                 Medico                      Isili       Ex Dirigente Medico Radiologo

 

45.    Mario Paffi                    C. re Museale       Mamoiada  Direttore Museo delle Maschere Mediterranee Mamoiada

 

46.    Manlio Meleddu             Impiegato                Laconi    Inps di Isili

 

47.    Pier Paolo Serra             Commerciante        Gesturi     Imprenditore Comm. Le

 

48.    Gianluca Mereu              Operatore S.S.       Genoni     Fondazione Randazzo. Monastir

 

49.    Mariano Corongiu           Op. Museale           Laconi     Museo dei Menhir Laconi

 

50.    Gianni Tatti                    Tecnico Lab.           Ruinas    Asl n.8 P.O. Isili, Sindaco di Ruinas

 

51.    Mario Luigi Casu            Pilota                       Isili        Polizia di Stato Abbasanta, Presidente Polisportiva Isili

 

52.    Marianna Carta               Segretaria P.A.         Isili        Libera Professionista

 

53.    Marcello Carta                Assistente Amm.vo   Isili        Comune di Isili

 

54.    Graziano Lai                   Pensionato             Serri       Aeronautica Militare

 

55.    Carlo Spiga                   Commerciante       Nurallao    Commerciante alimentare

 

56.    Tonino Cabiddu             Infermiere              Nurallao    Asl n.8 P.O. Isili

 

57.    Carlo Pintus                   Operaio                  Nurallao   Esperto del Territorio

 

58.    Marco Addis                  Ingegnere                 Isili        Libero Professionista

 

59.    Maria Celeste Franca Mura Pensionata          Isili          Impiegata

 

60.    Paola Mura                    Pensionata             Isili          Impiegata

 

61.    Giorgio Lai                     Pensionato             Isili          Infermiere Gen.

 

62.    Michele Zara                  Militare                   Mandas   A.M. Perdasdevogu, Amministratore Comune di Mandas

 

63.    Umberto Deidda            Studente                Mandas   Consigliere Com.le Mandas

 

64.    Michele Zucca                Tecnico Serv. Didat.Genoni    Guida Turistica, Direttore P.AR.C. Genoni

 

65.    Franco Meloni                Veterinario              Isili          Libero Professionista

 

66.    Edoardo Zucca              Militare                  Nureci      Pubblica Sicurezza

 

67.    Giovanni Mura                Pensionato             Isili          Insegnante, Studioso, Scrittore

 

68.    Antonio Orgiana             Ingegnere                Orroli      Libero Professionista, Sindaco di Orroli

 

69.    Umberto Oppus             Giornalista             Mandas    Libero Professionista, Sindaco di Mandas

 

70.    Salvatore Pala               Imprenditore             Isili        Imprenditore Agricolo, Sindaco di Isili

 

 

Isili, lì 7 Aprile 2011                     Il Coordinatore del Comitato Promotore     Davide Marras    

 

Eventi Recenti

 

Il 25-26 novembre 2011 è stato tenuto a Isili presso i locali del Centro Sociale in via Vitorio Emanuele 82: "LE GIORNATE DELLA CHIMICA" organizzato dalla nostra associazione.

Il tema è stato scelto per commemorare quello che l'Unesco ha battezato L'ANNO DELLA CHIMICA ovvero l'anno 2011.

Per il programma dell'evento tenutosi ed un elenco dei relatori visitare questo link.

title

Gli inizi del Club - voluto dal Comitato Promotore ed 

il suo attuale Presidente Davide Marras
Raccontato dalle parole del Presidente stesso


 
 

L’idea del Comitato Promotore di candidare 

l’Associazione Culturale di Isili a diventare il quarto 

Club Unesco in Sardegna, è il risultato di un 

percorso avviato da diversi anni, il quale, partito da 

una intuizione attorno agli interessi coltivati per 

l’Archeologia Sarda, ci ha portati ad intrattenere 

rapporti stabili con alcuni professori universitari, 

esperti e studiosi di diverse tematiche e le 

organizzazioni culturali che già da tempo 

programmano appuntamenti, conferenze e dibattiti, 

attinenti gli argomenti in questione. La passione 

verso queste tematiche ci ha spinto a costruire 

nuove occasioni d’incontro tra chi è semplicemente 

interessato e chi è già esperto, così ché ci fosse la 

discussione attorno a questi temi e 

contemporaneamente la crescita di conoscenze 

intorno a materie che, di volta in volta, si sono 

rivelate sempre più interessanti. Siamo arrivati 

quindi a costruire La Civiltà dei Numeri Uno, 

appuntamento che abbiamo preparato per ben due 

volte, durante il quale, la partecipazione di luminari 

di scienze diverse e la confluenza di apporti e di 

interessi, ci ha consentito di ottenere risultati di 

grande importanza per le nostre comunità e per 

l’intera Sardegna.

Guardando a questi eventi come a esempi da 

portare avanti e da migliorare ulteriormente, 

abbiamo pensato che fosse giusto darsi una 

organizzazione più efficace, anche al fine di 

coordinare le risorse umane, ambientali ed 

economiche, che abbiamo scoperto di avere nel 

nostro territorio. Abbiamo creduto quindi che fosse 

giusto dare vita ad una nuova Associazione, 

chiedendo agli Amici del Club Unesco di Cagliari di 

accoglierci nella Famiglia UNESCO, una grande 

organizzazione con la quale abbiamo coordinato la 

preparazione e i lavori della su menzionata Civiltà 

dei Numeri Uno, traendo da questa esperienza, una 

enorme quantità di stimoli, al punto da sperare di 

riconoscere, che, tra gli organizzatori, i 

collaboratori, gli eminenti studiosi esperti, i 

rappresentanti delle Istituzioni Pubbliche e delle 

Associazioni e i partecipanti delle diverse località 

coinvolte negli appuntamenti realizzati, stesse 

nascendo, attraverso una unità di intenti, un nuovo 

orizzonte comune di idee, competenze ed 

esperienze, tale che, dagli ambienti Sarcidano, 

Marmilla, Barbagia, Mandrolisai e Trexenta e nel 

riscatto dei valori più importanti della cultura locale 

e universale, dei diritti umani, della pace e della 

conoscenza, stesse scaturendo quella riscossa 

culturale che, oggi più che mai, possa servire a 

smuovere l’immobilità culturale e produttiva che 

spesso ci vede soggetti inermi di fronte alle 

problematiche globali della modernità. Dobbiamo 

poter credere di contribuire al miglioramento della 

condizione umana di fronte alle tante storture del 

progresso, sapendo cogliere quello che di buono la 

tecnologia e le esperienze fin qui compiute, ci 

possono offrire, insieme con le esperienze e le 

conoscenze dei nostri Avi, comprendendone le 

dinamiche e gli sviluppi compiuti, ieri come oggi, al 

fine di disegnare il percorso da seguire di qui in 

avanti, compresa la capacità di perseguire gli 

obbiettivi più nobili del senso comune e del vivere 

civile, che forse, si conoscevano più nei tempi 

antichi che oggi.

In questo percorso ci siamo accorti che era sempre 

più diffuso tra gli ambienti culturali seguiti dal 

grande pubblico, la ricerca di risposte inerenti le 

questioni più dibattute tra gli esperti della Storia, 

della Linguistica e della Archeologia moderne dove, 

negli ultimi decenni, si sono affermate una 

quindicina di teorie divergenti dal tradizionale punto 

di vista, riguardo alle tematiche di approfondimento 

della Cultura Sarda, antica e moderna. Una di 

queste tematiche, la Linguistica, è stata sicuramente 

tra le più dibattute e ciò proprio a seguito degli 

spunti offerti dalle teorie elaborate dal Professor 

Raffaele Sardella, insieme a quelle di Massimo 

Pittau, Bruno Vacca e naturalmente degli esponenti 

illustri delle’ Accademia, quali Giulio Angioi, 

Francesco Cesare Casula, Giovanni Lilliu e diversi 

altri. Nel giro di qualche anno, si sono moltiplicati gli 

approfondimenti e sono scaturiti ulteriori spunti di 

studio da angolazioni differenti del Mondo Antico, 

per arrivare ad avere studi e teorie sulla 

Navigazione, sulla Religione, sulla Storia, sulla 

Matematica, sulla Genetica, sulla Astronomia, sulla 

Musica e altri aspetti del sapere, che hanno 

permesso di osservare la vita delle genti e dei 

periodi storici riferibili alla Sardegna Antica ed 

all’intero Mediterraneo, con prospettive e vedute 

molto più ampie rispetto a quelle adoperate qualche 

decennio fa.

Il Comitato Promotore Club Unesco Isili ha 

l’ambizione di diventare, il prossimo anno, a seguito 

del periodo di collaudo, il quarto Club Unesco in 

Sardegna, dopo Cagliari, Sassari ed Oristano, dando 

impulso, nel tempo, ad altri che vorranno 

organizzarsi, fornendo magari, un esempio da 

prendere a riferimento.